ott 9, 2018

A TORINO ARRIVA JUNKER

 

Presentata in Comune dalla Sindaca Chiara Appendino, dall’Assessore all’Ambiente, Alberto Unia e dal Presidente di AMIAT, Christian Aimaro, è già disponibile per tutta la città.

La Città di Torino, insieme ad Amiat, società del Gruppo Iren, ha adottato e messo a disposizione dei cittadini, Junker, un servizio fruibile tramite app (per smartphone android o apple) che riconosce con un solo clic quello che il cittadino sta gettando, e tramite geolocalizzazione, informa l’utente sulla normativa del territorio di riferimento.

Tanto semplice da essere rivoluzionaria.

Mai più dubbi, mai più errori, dunque, grazie a questa app, nata per facilitare la vita ai cittadini, integralmente tradotta in 10 lingue, tra cui russo, cinese, rumeno, ucraino, a favore dei turisti, ma anche delle comunità straniere che vivono e lavorano in Italia. Inoltre la app è stata resa totalmente accessibile per ipo e non vedenti, sia nella versione iOs che Android.

Ecco come funziona: scansionando il codice a barre del prodotto o dell’imballaggio, Junker riconosce il rifiuto grazie ad un database interno di oltre 1 Milione e mezzo di prodotti e ne indica la scomposizione nelle materie prime e i bidoni a cui sono destinate le varie parti.

Un database ‘in progress’ che viene aggiornato quotidianamente anche grazie al contributo degli utenti: se il prodotto scansionato non viene riconosciuto, l’utente può trasmettere alla app la foto del prodotto e ricevere la risposta in tempo reale, mentre la referenza viene aggiunta a quelle esistenti e da quel momento presente nel database. Uno strumento innovativo perfettamente in linea con la filosofia delle smart cities.

JUNKER è a disposizione gratuitamente per tutti, e offre la possibilità alla città di comunicare molte altre informazioni: ubicazione dei punti di raccolta, percorsi, calendari del porta a porta, indicazioni per i rifiuti speciali.
Saranno attivi sin da subito funzioni che permettono anche ai cittadini di diventare protagonisti dell’economia circolare. Da un lato gli utenti potranno segnalare criticità relative alla gestione dei rifiuti allegando una foto scattabile con il proprio smartphone. D’altro canto gli utenti potranno indicare punti per favorire la riduzione del rifiuto, per esempio negozi di seconda mano o di prodotti sfusi, centri di riuso, raccolta delle eccedenze alimentari, e così via.

 “Eccellenti risultati in termini di raccolta differenziata e igiene ambientale – dichiara il Presidente di Amiat Gruppo Iren Christian Aimarosi raggiungono anche grazie all’adozione di strumenti di informazione innovativi, che consentono di avviare un dialogo diretto fra la città e gli utenti, ampliando sempre più i canali di comunicazione rivolti al pubblico. La partecipazione diretta dei cittadini, grazie all’utilizzo di questa applicazione, costituisce una nuova opportunità per migliorare ulteriormente il servizio erogato e la qualità di vita dei cittadini. Questo strumento tecnologico consente ai cittadini di poter fruire di un aiuto immediato e sempre disponibile per poter correttamente conferire tutti gli imballaggi, con un conseguente miglioramento in termini qualitativi della raccolta differenziata”

“JUNKER nasce per ridurre la quantità di rifiuti a favore del riciclo delle materie prime di cui sono composti”– afferma Benedetta De Santis, ideatrice della APP ma risultati significativi possono essere ottenuti solo grazie al coinvolgimento attivo dei cittadini, che, nell’era delle applicazioni in mobilità, desiderano anche per la gestione dei rifiuti una informazione veloce, puntuale e smart. Da qui l’idea di un servizio semplice che identifichi i prodotti e riconosca i materiali di imballaggio con un semplice clic sul codice a barre realizzato con la fotocamera dello smartphone”.

L’assessore all’Ambiente Alberto Unia conferma che gli obiettivi della Città di Torino sono di raggiungere entro il 2020 i target dell’UE, cioè il 65% di raccolta differenziata su tutta la città entro il 2023. “Per raggiungere questo obiettivo – spiega l’assessore – la Città sta mettendo in campo una serie di politiche volte a facilitare la corretta differenziazione dei rifiuti, in primis l’estensione della raccolta porta a porta su tutto il territorio cittadino. L’implementazione di Junker sarà un importante accompagnamento ai cittadini in questo passaggio in quanto aiuterà ad eliminare qualsiasi dubbio sulla corretta differenziazione e allo stesso tempo di mettere in atto pratiche di riduzione dei rifiuti tramite la diffusione di punti di economia circolare”.

RASSEGNA STAMPA:

Eco dalle Città

Repubblica Torino

Il Corriere Torino

La Stampa

Raccolta differenziata con un click, a Torino arriva Junker – Ecco come funziona – Video –

Lo Spiffero

Torino Oggi

Affari Italiani

Junker: l’app per la raccolta differenziata di Torino

Arriva a Torino Junker, l’app che indica come buttare i rifiuti

TORINO. Rifiuti: arriva l’App che aiuta a differenziare

Junker: la nuova app che ti aiuta a fare piazza pulita dei tuoi rifiuti

Junker, l’app che ti aiuta a fare la differenziata

Arriva Junker, per fare bene la differenziata basta un’app

https://www.torinotoday.it/video/noemi-de-santis-junker-app-differenziata-rifiuti.html

Arriva Junker, la nuova App per la differenziata

Dove buttare i rifiuti? Te lo dice Junker, l’app amica della differenziata

 

Junker, l’app che ti aiuta a fare la differenziata

 

Dove buttare i rifiuti? Te lo dice Junker, l’app amica della differenziata

http://www.emiliaromagnastartup.it/it/innovative/articoli/2018/10/torino-arriva-junker-la-app-giunko-la-raccolta-diufferenziata

 
set 11, 2020

I RAEE, questi sconosciuti…di cui sono piene le nostre case!

Sai che hai casa piena di RAEE? Ebbene sì, sono ovunque, forse li indossi persino…RAEE è un acronimo ancora misterioso…

ago 31, 2020

Quando il materiale fa la differenza

Ecco a voi la guida Junker ai cinque materiali più difficili da riconoscere e differenziare… Ci sono prodotti che mettono…

lug 31, 2020

Una scalata che fa la differenza: i 5 oggetti da trekking più difficili da smaltire

Molti di noi amano vivere la montagna nel periodo estivo: lunghe camminate tra boschi sempreverdi e laghi cristallini, aria fresca…